Social(s): la fonte più preziosa per connetterti!

Tutti “vanno sui social”, postano, taggano, likano, si fanno selfie.
Adulti, anziani, giovani, bimbi ognuno con la sua finestra nel mondo da cui urlare: “ehi, ci sono anch’io”.
Nel settore di cui mi occupo per professione, la salute e in quello che invece sta tra la passione e un’occupazione anche lavorativa, il fitness, i social sono diventati un “must”.
StampaLe “macchine su cui si fa cardio” hanno una connessione diretta a You Tube, Google, Facebook, Twitter: a uno non vecchio ma comunque nemmeno poi giovanissimo come me, “fa strano”, perché in palestra si allenano i muscoli e non si deve distrarli con attività intellettive…è fisiologia dopotutto! Ma quando mi guardo intorno vedo che sono l’unico senza il telefonetto in mano e gli auricolari nelle orecchie.
Oggi è così: i social rappresentano la fonte più preziosa di connessioni. E se non sei connesso non puoi lavorare, non puoi far sapere ai tuoi potenziali clienti cosa vendi, a quale evento stai lavorando, com’è fatto il tuo mondo o quali sono le tue idee in merito ad un argomento.
ragazzacon i-phoneE nel campo della salute è la stessa cosa: ci sono gruppi di questo e quello che attirano come api sul miele esperti, meno esperti e curiosi. E si parla e si scrive di tutto. Ognuno dice quello che in altre “location” non avrebbe il coraggio di far superare la barriera delle labbra.
È un fenomeno che notiamo tutti, tanto quanto la sua accelerazione: una paziente mi ha chiesto se una delle mie conferenze la “davo anche in streaming”.
“Meraviglioso”, ho pensato. Mi ha scambiato per uno importante, uno “che ne sa”: no signora, se vuole deve iscriversi e venire di persona.
Non voglio fare il “retrò”, non mi pare proprio il caso. Ma nemmeno ricevere inviti via Facebook tipo: “ciao, anch’io come te mi occupo di salute. Scrivimi o chiamami al……che ti spiego cosa faccio”…alle 23.53 di domenica sera!!!
Quello che vorrei suggerire è che ci sono delle “cose” che non esisteranno mai nei social.
Parlando del mio lavoro: non si può fare una consulenza via Messenger, non si deve. Non si può parlare della salute di un bambino senza averlo visto, toccato, ascoltato, preso in braccio.
Eppure è questo a cui assisto: soluzioni impacchettate da altre persone, scaricate da Internet attraverso i social, rappresentano la fonte alla quale oggi sempre più spesso un paziente opta, per attingere e soddisfare inizialmente un suo bisogno di salute.
Va bene. Ci mancherebbe. A volte è utilissimo e ci aiuta a prendere una scorciatoia.
La maggior parte delle volte, però, ci porta pretenziosi e poco collaboranti, di fronte ad un professionista che si trova diagnosi e prognosi già proposte proprio da colui che dovrebbe riceverle.
I social ci allontano nel momento in cui siamo davvero uno di fronte all’altro.

Dott Andrea Botteon
Osteopata D.O. MRO I
Perfezionato in Medicina Tradizionale Cinese ed Osteopatia pediatrica

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.