Ciclismo Maschile vs Ciclismo Femminile

Il ciclismo maschile ha una storia molto lunga alle spalle mentre il ciclismo femminile si è sviluppato tanti anni dopo.

Quando divennero popolari le prime gare di biciclette verso la fine dell’Ottocento le donne non erano prese in considerazione e nel 1912 vennero addirittura messe al bando per essere riammesse solo negli anni 50.

Fortunatamente, a partire dagli ultimi 6/7 anni, il ciclismo femminile ha preso piede e sta andando alla grande.

Che gli uomini e le donne siano fisicamente diversi è una cosa certa ma questo non vuol dire che il ciclismo femminile sia meno affascinante e spettacolare di quello maschile!

Negli ultimi anni anche il livello all’interno del gruppo delle donne è diventato molto alto e tantissime persone si stanno appassionando e sono diventate fedeli tifose e tifosi del ciclismo femminile.

La differenza principale tra le gare maschili e quelle femminili consiste nel chilometraggio, infatti gli uomini affrontano percorsi più lunghi mentre i nostri arrivano al massimo a 150/160 km. E credetemi che sono già moltissimi!

Di conseguenza anche l’andamento delle competizioni è diverso: solitamente gli uomini lasciano andare via una fuga da lontano che prende diversi minuti e che viene poi richiusa a poco dall’arrivo, mentre nelle donne si battaglia fin da subito e le gare sono molto più imprevedibili.

Non esiste un ciclismo migliore ma semplicemente uno sport praticato da uomini e donne che fanno la stessa fatica e gli stessi sacrifici per poter raggiungere grandi risultati.

Foto di Twila Federica Muzzi

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.